03 ottobre 2006

scooter/2

Bene, l'ho provato. Ho impiegato 55 minuti per fare 65 km, ma non so quanto sia valido come test perchè 48 erano di tangenziale e autostrada. Vibra un po' sopra i 110 e la frenata mi sembra un po' debole. La guida ha poco a che vedere con quella della moto - a parte il fatto che ho cercato per tutto il tempo di il freno con il piede destro e le marce con quello sinistro. A quel che ho potuto capire la velocità massima non supera i 120 km, ma per l'uso che devo farne io sono più che sufficienti, non credo proprio che avrò molte occasioni per arrivarci, considerato che mi serve soprattutto in città. Nonostante la mole e il peso è manovrabilissimo (anche se lo metto sul cavalletto con qualche sforzo, ma questo mi accade anche la moto, hanno voglia di dire che è solo "tecnica" sollevare tutti quei chili).
In conclusione: non sono affatto scontenta dell'acquisto - ma la moto resta un'altra cosa.

6 commenti:

Numero 6 ha detto...

Allora hai fatto bene a prendere Yamaha, che mi pare sia l'unica a non avere la frenata combinata.

letturalenta ha detto...

Hai fatto l'autostrada per andare a Ferrara? Argh! Comunque un 250 fa quello che può, porello: i 120 sono già un buon risultato. Il cavalletto, temo sia questione di peso del pilota, non di tecnica. Posso testimoniare che dai novanta chili in su è un gioco da ragazzi.

ipazia ha detto...

la frenata combinata sarebbe??

luca: ho scagliato l'uscita dalla tangenziale e mi sono ritrovata sulla bologna padova (sono un pilota non un navigatore io!)

letturalenta ha detto...

Ah, be', allora sei giustificata. Prendere intenzionalmente l'autostrada quando c'è un'alternativa come la ferrarese (strada bellissima!) sarebbe criminale.

ipazia ha detto...

la farò martedì prossimo :-)

Numero 6 ha detto...

Su quasi tutti gli scooter moderni, il freno sinistro frena dietro e un pochino davanti (in genere un terzo).
Il destro solo davanti.

Credo sia la cosa più odiata dai motociclisti quando salgono su uno scooter.