19 ottobre 2006

Bologna - Roma

Ormai questa tratta mi sta diventando familiare.
Vicino a me c'è un gruppo di cinesi che sta - evidentemente - affrontando una crisi di settore, altrimenti non mi spiego l'affanno. Parlano contemporaneamente tra di loro e con tre cellulari a testa, un altro cellullare è appoggiato sul tavolino in viva voce e smanettano con alcuni portatili (sempre a testa).
Li guardo. E sono davvero convinta che il futuro è loro. E' difficile stabilirne l'età, ma sembrano tutti giovani. Di certo sono sotto la trentina e dubito che un paio ne abbiano più di venticinque.
Vedo la loro concentrazione, e la loro determinazione.
Questa gente qui non si ferma a colpi di creatività italiana e made in italy.
Noi facciamo scarpe e accessori per la moda e loro se li comprano pensando a quanto siamo fessi.
E hanno ragione loro.

1 commento:

Mic. ha detto...

Nel mondo un altro mondo. Sono cinque i punti cardinali e non quattro come credono gli "occidentali".