28 settembre 2006

Giornali online

Per anni il primo giornale online che guardavo la mattina è stato Repubblica. Da qualche tempo ho scoperto quasi con stupore che non è più così e quasi automaticamente all'apertura di firefox le mie dita digitano corriere.it (no, non ho una pagina iniziale predefinita).
Cercando di indagare i motivi di questo cambiamento pressoché inconsapevole provo a metterli in fila senza alcun ordine di importanza:
1. il sito di repubblica è pesantissimo, e spesso mi connetto in analogico;
2. il sito di repubblica è annegato dalla pubblicità, a sua volta pesantissima;
3. repubblica ha il menù in alto e nemmeno troppo intuitivo;
4. le notizie sono le stesse che si trovano sul corriere, che invece ha il menù laterale e pubblicità meno invasiva e ci mette meno tempo a caricarsi.

se mi viene in mente altro ci tornerò sopra.

5 commenti:

Uriel ha detto...

Ti consiglio di installare il tuo adblock su Firefox. Una volta definito un elenco di gif pubblicitarie che non vuoi vedere, i siti diventano leggibili persino in GPRS. In pratica scremi il sito dalle cose pesanti.

Uriel

ipazia ha detto...

grazie!

fB ha detto...

Infatti, io uso un sistema di filtraggio diverso (privoxy) che ha il vantaggio di funzionare indipendentemente dal particolare browser utilizzato, ma gli effetti sono identici.

Una volta tolta la pubblicità il sito di Repubblica, anche dopo il recente sciagurato redesign, non è molto diverso da quello del Corriere, contenuti compresi (si servono dallo stesso spacciatore, evidentemente).

Uriel ha detto...

usare un proxy solo per filtrare i contenuti mi sembra un pelino esagerato.... secondo me quando hai usato un plugin del browser e' piu' che sufficiente. Anche perche' passi comunque per un proxy col tuo provider, anche se spesso non lo sai perche' e' un tcp proxy...


Uriel

fB ha detto...

>usare un proxy solo per filtrare i contenuti mi sembra un pelino esagerato

Si trattasse di un caching proxy come squid senz'altro, ma questo è un proxy fatto apposta per il filtraggio e basta!